➥ NUOVO SOFTWARE ATTIVITÀ DI VIGILANZA GB Incarico, Agenda, Verbale, Relazione, Stampa Scopri subito di più »
GBsoftware S.p.A.
Apri Chiudi Menù Mobile
GBsoftware S.p.A.

Nel Bilancio Europeo GB la compilazione del Rendiconto Finanziario è supportata da segnalazioni, controlli di quadratura e gestioni integrate in modo da operare con ragionevole tranquillità, in quanto gli ausili valgono per contabilità, saldi analitici e macro-voce. 

Dopo lo Stato Patrimoniale ed il Conto Economico, il Rendiconto Finanziario è un ulteriore prospetto contabile del bilancio di esercizio, posto subito prima della Nota Integrativa: descrive le movimentazioni annuali delle disponibilità liquide e la loro composizione, suddividendo i flussi tra operativi, di investimento e di finanziamento.

Premessa 

Il Rendiconto Finanziario, introdotto nella legislazione italiana dal D.Lgs.139/2015 (che recepisce la Direttiva 2013/34/UE) e in conformità all’OIC 10, è obbligatorio dall’esercizio 2016 per il bilancio ordinario. E’ facoltativo per il bilancio abbreviato ed è escluso per il bilancio micro-imprese. Si presenta nei due schemi alternativi diretto ed indiretto, è un adempimento complesso che spesso richiede una analisi supplementare della contabilità per la difficoltà di ricostruire ex post la natura finanziaria, patrimoniale o economica delle singole operazioni aziendali.

Schema  

Nel bilancio ordinario il rendiconto è incluso di default e non può essere (completamente) escluso:

Il rendiconto indiretto è lo schema raccomandato dalla dottrina, in quanto più leggibile, ed è anche quello maggiormente integrato in GB.

N.B.N.B. Nell’ordinario, è possibile escludere uno tra i due rendiconti (diretto o indiretto) ma non entrambi, se si cerca di farlo appare il seguente messaggio:

 

Per lo schema di bilancio abbreviato il rendiconto finanziario è tra le Tabelle aggiuntive  Tabelle aggiuntive ed escluso di default: quindi è necessario attivarle (3) ed includerlo (4):

Segnalazioni e controlli di quadratura

Al primo accesso al rendiconto finanziario, di regola, notiamo due segnalazioni:

  • La prima è la squadratura nel rendiconto, cioè non è correttamente descritta la variazione delle disponibilità liquide dell’anno corrente o del precedente (ANNO o ANNO-1).

N.B.N.B. Con tale segnalazione, si raccomanda di non presentare il rendiconto e di individuare l’errore nei righi sottostanti. Raccomandato, in quanto si potrebbe eseguire comunque la validazione o produrre l’istanza xbrl (definitivo per fascicolo) in quanto non necessariamente Infocamere (Tebe+) scarta un rendiconto con delle incongruenze.

  • La seconda segnalazione, è una nota alla compilazione che ricorda se il rendiconto è facoltativo o obbligatorio (dipende dallo schema in cui ci troviamo)

Scorrendo verso il basso il rendiconto, individuiamo l’altra segnalazione:

GB segnala qual è l’annualità scorretta del rendiconto (ANNO) e quella corretta (ANNO-1), inoltre l’ammortare dello sbilancio (+935). Verifichiamo i calcoli eseguiti:

Per l’esercizio ANNO-1 la differenza tra disponibilità liquide a fine ed inizio esercizio (D-E=24.310) è correttamente descritta dall’incremento delle disponibilità (F) quindi non ci sono segnalazioni (Punto 2=0).

Per l’esercizio ANNO, invece, compilando correttamente il rendiconto, il rigo ‘C’ dovrà assumere il valore di A-B. Per realizzare questo, completando il resto del rendiconto, cambia ad esempio il rigo (1) che ristabilisce la quadratura (2):

Inoltre, scompare la segnalazione di sbilancio, dalla sommità del rendiconto:

il controllo sul rendiconto finanziario fa parte dei controlli di quadratura che interessano numerose tabelle della nota integrativa. Da OPZIONI E FUNZIONI è possibile filtrare Tutte le Tabelle che prevedono controlli quadratura, oppure solo Tabelle con segnalazioni cioè che hanno incongruenze:

N.B.N.B. Si tratta di controlli interni GB, comunque sempre by-passabili procedendo oltre nella validazione.

Per maggiori info sui controlli di quadratura consultare l’apposita newsletter.

Integrazione

Per le celle del rendiconto, come per le celle delle altre tabelle della nota integrativa, valgono le regole generali GB:

– le celle Celle bianche sono da input manuale,

– le celle Celle arancioni sono delle formule in cui l’utente non può intervenire,

– le celle Celle azzurre sono integrate direttamente alla contabilità, ai saldi analitici o ai saldi a macrovoce, in cui è possibile eseguire delle forzature manuali.

Premesso ciò, analizziamo ora le integrazioni presenti nel rendiconto indiretto:

Nella cella Interessi passivi/(attivi) viene riportato in automatico il valore presente nel conto 64312 caricato in contabilità o inserito nei saldi analitici (forzabile ad esempio inserendo 315 euro).

Se invece avessimo optato per un caricamento a macro-voci, col doppio click nella cella azzurra  avremmo:

Celle non forzabili

Vi sono delle celle non forzabili, perché corrispondono inequivocabilmente a singoli righi del Cee (esempio utile/perdita dell’esercizio). Tale blocco viene segnalato dopo aver fatto il doppio click:

Gestioni integrate

Le celle arancioni possono essere dei totali di singole voci già inserite nel rendiconto (cioè formule) oppure rimandare ad altre gestioni sottostanti il rendiconto finanziario. Occorre in tale caso posizionarsi in fondo al rendiconto.

I totali presenti nelle gestioni vengono scaricati nei soprastanti righi del rendiconto:

Nella gestione, viene quantificato il rigo arancione Decremento/(Incremento) delle rimanenze che appare valorizzato per euro -337 e -12.706.

Per esercizio rendicontato si intende l’esercizio del bilancio (anno applicazione) per brevità ANNO mentre per esercizio precedente si intende per brevità ANNO-1. All’interno della stessa colonna, quindi ad esempio nell’ANNO, per “Rimanenze – esercizio n” si intendono quelle al 31.12.ANNO (cioè 64.720 euro) mentre per “Rimanenze – esercizio n-1” si intendono le rimanenze dell’esercizio precedente quindi quelle al 31.12.ANNO-1 (64.383 euro).

Nella colonna ANNO-1 le rimanenze n=cioè quelle dell’ANNO-1 sono sempre 64.383 mentre le rimanenze n-1=cioè ANNO-2 ammontano a 51.677.

Il totale della variazione, di conseguenza, nell’esercizio rendicontato (ANNO) sarà -337 e nell’esercizio precedente (ANNO-1) -12.706 euro. I valori sono scaricati nel rendiconto.

Scopriamo quindi che per una corretta compilazione del rendiconto, è necessario aver compilato tre esercizi, cioè anche l’esercizio n-2 (o ANNO-2) secondo anno precedente a quello che si sta presentando.

Comunque, se l’anno n-2 mancasse nel GB, è possibile forzare tali valori, imputandoli manualmente.

N.B.N.B. Attenzione perché la loro mancanza pregiudica la quadratura del prospetto.

Circa la compilazione dell’altra gestione Crediti verso clienti, analogamente avremo la possibilità di inserire delle rettifiche, quindi, ad esempio se vogliamo:

  • forzare un diverso importo dei crediti clienti nell’ANNO, 165.000 euro invece di 164.045;
  • eliminare dai crediti verso clienti ANNO-1 che ammontano a 245.183 euro una parte di 612 euro che è riferibile non alla vendita di merci ma alla vendita di un macchinario;
  • eliminare dai crediti clienti ANNO-2 euro 47 per vendita di un cellulare;

alla fine avremo:

N.B.N.B. Per modificare i righi arancioni del rendiconto, occorre intervenire nelle sottostanti gestioni (righi bianchi per le correzioni da input e righi azzurri per fare forzature) e non direttamente nel rendiconto finanziario-inizio prospetto.

Le gestioni presenti a supporto della compilazione sono sette:

  1. Variazioni delle rimanenze
  2. Variazione dei crediti verso clienti
  3. Variazione dei debiti verso fornitori
  4. Variazione dei ratei e risconti attivi
  5. Variazione dei ratei e risconti passivi
  6. Dividendi
  7. Rettifiche di valore di attività e passività finanziarie, incluse quelle da derivati.

Non resta che procedere con la compilazione fino alla quadratura del rendiconto e poi procedere alla validazione.

N.B.N.B. Il rendiconto è segnalato dal GB come squadrato, solo se lo sbilancio supera 4 euro per entrambe le annualità (al di sotto potrebbero essere arrotondamenti fisiologici).

Per maggiori info consultare la guida online alla procedura.

Applicazioni Software collegate all’articolo:

BB101- MM/16

TAG bilancio 2022Bilancio ordinarioBilancio xbrlflusso bilancioNota Integrativa xbrlrendiconto finanziario

Stampa la pagina Stampa la pagina