➥ NOVITÀ: WEBINAR GRATUITI E CORSI Scopri i webinar e i corsi curati dagli Esperti GB insieme a Professionisti, Autori e Docenti. Scopri subito di più >
Dichiarazione di Intento 2023: disponibile applicazione

Gli esportatori abituali che intendono acquistare o importare beni, senza applicare l’IVA, devono trasmettere telematicamente all’Agenzia delle Entrate la dichiarazione di Intento.

Eseguendo l’update del software è disponibile l’applicazione Dichiarazione di Intento 2023 per gestire acquisti o importazioni di beni e servizi senza l’applicazione dell’IVA.

Normativa

La dichiarazione è presentata all’Agenzia delle Entrate in via telematica, direttamente, da parte dei soggetti abilitati a Entratel o Fisconline, o tramite i soggetti incaricati (commi 2-bis e 3 dell’articolo 3 del Dpr 322/1998).

Con il provvedimento del 27 febbraio 2020 l’Agenzia delle Entrate ha dettato le modalità operative per l’attuazione delle disposizioni di cui all’articolo 12-septies D.L. 34/2019 (c.d. “Decreto crescita”).

Il citato articolo 12-septies ha previsto che, dallo scorso 1° gennaio 2020, gli esportatori abituali non abbiano più l’obbligo di consegnare al fornitore la dichiarazione di intento e la copia della ricevuta di trasmissione telematica all’Agenzia delle Entrate.

Modifiche normative in dettaglio

La modifica normativa prevede i seguenti impegni per l’esportatore e per il fornitore:

Esportatore abituale: deve trasmettere in via telematica la propria dichiarazione d’intento all’Agenzia delle Entrate, che ne rilascia apposita ricevuta telematica con l’indicazione del protocollo di ricezione.

Fornitore: deve controllare il proprio Cassetto Fiscale per constatare l’invio di tale dichiarazione, e indicare, nella fattura successivamente emessa, gli estremi di tale protocollo.

L’Agenzia delle Entrate ha reso disponibile per ciascun fornitore, mediante l’utilizzo del Cassetto fiscale, le informazioni relative alle dichiarazioni di intento trasmesse dagli esportatori abituali per via telematica.

Tali informazioni possono essere consultate, oltre che dai fornitori, anche dagli intermediari delegati dai fornitori stessi al loro Cassetto fiscale.

L’effettuazione di cessioni o prestazioni senza aver prima riscontrato per via telematica l’avvenuta presentazione all’Agenzia delle Entrate della dichiarazione di intento comporta una sanzione dal 100% al 200% dell’imposta.

L’adempimento è stato semplificato con l’eliminazione dell’obbligo di numerazione progressiva e annotazione delle dichiarazioni di intento emesse e ricevuto nell’ apposito registro.

Dichiarazione di Intento con GBsoftware

Da oggi è disponibile l’applicazione “Dichiarazione di Intento”.

Come abilitare l’applicazione

  • Eseguire  pulsante update del software;
  • Aprire la ditta in cui si vuole abilitare la dichiarazione di Intento;

Le modalità di abilitazione delle applicazioni sono tre:

1. Se l’applicazione “Dichiarazione di Intento” è stata già utilizzata nell’anno 2022 per abilitarla è sufficiente cliccare su Pulsante intento. Il software chiede se abilitarla subito per il nuovo anno con un messaggio: rispondendo “sì” sarà automaticamente abilitata. Rispondendo “no” sarà necessario procedere con l’abilitazione illustrata al successivo punto.

Messaggio abilitazione Dichiarazione di intento 2023

Dalla gestione “Applicazioni”:

2. Abilitazione multipla: cliccando il pulsante Pulsante abilitazione multi ditta  , è possibile abilitare l’applicazione per più ditte contemporaneamente.

Percorso abilitazione multi ditta Dichiarazione di intento 2023

3. Abilitazione singola: apponendo il check in corrispondenza di “Intento” anno 2023.

Percorso abilitazione singola Dichiarazione di intento 2023

Per maggiori informazioni consultare la guida on line dell’applicazione Dichiarazione di Intento.

Applicazioni Software collegate all’articolo:

TAG dichiarazione d'intentodichiarazione d'intento 2022

Stampa la pagina Stampa la pagina